ecotronica – ectrnk

diskolé - laboratorio di beatmaking - cpia 1

siamo i ragazzi e le ragazze del cpia1, una volta le chiamavano 150 ore e ci studiavano fin dagli anni 70 le operaie e gli operai che migravano a torino per trovare migliori condizioni di vita. Oggi ospita gli studenti stranieri e non che vogliono prendere la licenza media, imparare l’italiano od altre cose utili per il lavoro e la vita

la nostra classe è aperta, composta da persone provenienti da tutto il mondo

frequentiamo il cpia per imparare l’italiano utilizzando le tecnologie, per conoscere nuovi amici e socializzare

la nostra classe ha prodotto il sito ectrnk dove potete trovare tutte le informazioni necessarie per comprendere il nostro lavoro: ecotronica è un progetto di cooperative learning basato sulla metodologia del workshop e fondato sull’orizzontalità dei saperi

siamo partiti dalle analogie tra le piante e gli umani, abbiamo studiato le forme di comunicazione, il concetto di segnale e la corrente elettrica

abbiamo progettato, grazie alla disponibilità di risorse open source, il dispositivo midisprout che trasforma la corrente elettrica di tutti i corpi viventi in un midi-flow

il midiflow è stato arrangiato per suonare automaticamente, le caratteristiche del suono sono le caratteristiche della pianta e quindi anche di chi ha progettato e realizzato

il sito ectrnk  è stato creato interamente dalla classe; rispetto ai contenuti, alle scelte grafiche ed all’impaginazione, non c’è stata alcuna mediazione da parte di educatori e docenti che hanno accompagnato la classe nel percorso

ectrnk  è un manuale, un diario di bordo, una raccolta di appunti digitali in versione diy. Il diy (do it yourself) è un modo di autoprodurre contenuti artistici o materiali utilizzando creativamente le proprie risorse; ciò vale anche per la tecnologia: crediamo che il modo migliore per utilizzare le tecnologie sia appropriarsene. crediamo che le competenze tecniche avanzate possano essere di tutt* e per tutt*

VOGLIAMO UN MONDO GRATIS E ACCESSIBILE A TUTTI. LE DIFFERENZE SONO UNA RICCHEZZA!

Torna su